martedì 19 ottobre 2010

171-Sogni e Realtà

La giornata non era iniziata nel migliore dei modi, la sveglia era suonata molto presto, la temperatura, già abbastanza rigida, e l'assenza di luce invitavano a rimanere ancora un pò sotto le spesse e calde coperte.
A rendere ancor meno rosea la situazione, anche il ricordo del sogno appena fatto e che la sveglia aveva interrotto.
Per la verità non era un brutto sogno, al contrario era stato molto bello, piacevole, uno di quei sogni ottimistici ...
Forse è stato proprio l'aver scoperto che era solamente un "sogno", mi aveva lasciato l'amaro in bocca.
Colazione, frettolosa, e via verso la mia destinazione.
Poco dopo essermi incamminato ho incrociato un amico e ci siamo salutati. Anche lui non sembrava affatto felice di trovarsi li e, come me, avrebbe probabilmente preferito essere ancora al calduccio.
"Dai, non essere così giù, allo spuntar del sole vedrai che il sorriso ci tornerà".
"Ma certo" mi risponde "non ha dubbi su questo, ero solamente un pò pensieroso, tutta colpa di un sogno che ho fatto stanotte".
"Incubo?" chiedo
"No, no, assolutamente, un sogno molto bello ... peccato fosse solo un sogno".
Non ho resistito e gli ho detto che anche io, al mio risveglio, avevo avuto la sua stessa sensazione accompagnata da malinconia.
Poi gli raccontato, con dovizia di particolari, quello che avevo "vissuto" durante la notte, e più andavo avanti e più il volto del mio amico si illuminava di sorrisi.
Non capivo il perchè di quella sua improvvisa felicità, che mi stesse prendendo in giro nell'ascoltare le mie fantasie?
Al termine del mio racconto mi si è avvicinato, mi ha abbracciato forte e mi ha sussurrato:
"è una cosa bellissima, è stupendo, meraviglioso. Ho sognato la stessa identica cosa che hai sognato tu, anche nei più piccoli particolari !"
Sono rimasto a bocca aperta: era veramente strano che due persone avessere effettivamente fatto lo stesso sogno, e perchè tutta quella sua felicità dopo aver sentito il mio racconto?
Come avesse interpretato i miei pensieri, mi guarda con occhi lucidi e mi fa:
"Quando si sogna da soli è solo un sogno, ma quando si sogna in due comincia la realtà".
E sorridendo si è allontanato.
Mi ha contagiato, adesso sorrido anche io.

16 commenti:

  1. Sono sempre bellissime le storie che racconti, racchiudono un grande significato!
    Mi hai contagiato...sorrido anch'io!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Io non ho sognato, ma mi viene da sorridere ugualmente ...

    RispondiElimina
  3. Il bello dei tuoi racconti è l' alchimia in cui sogno e raltà si fondono in forma osmotica e non sai mai del tutto dove termina l' una e inizia l' altra, in quanto i confini sono sfumati e le possibilità di lettura sono molteplici; forse qualcuna sfugge anche all' autore stesso ...

    Ma che dico! Sto sognando anch' io?

    RispondiElimina
  4. bellissimo :-)

    "perché un sogno è un sogno vero
    solamente
    quando in materia mortale
    esce dal sogno e si incarna" - Pedro Salinas

    RispondiElimina
  5. A questa cosa non avevo mai pensato!!

    RispondiElimina
  6. Melina, grazie, non smettere di sorridere

    Emanuela, stanotte non hai sognato ... ma nel tuo bosco ce ne sono ben 100! Spero tu possa condividerli tutti ocn Puzzola e Scimpanzè

    Occhi di Notte, grazie ...

    Graziana, sono tante le cose che mi sfuggono, e quelle che lascio sfuggire.

    Shadow, grazie del passaggio, ricambierò presto.

    Silvia, adesso non lo dici più! Speriamo che quei sogni che per adesso non vuoi/puoi svelare, possano a breve essere condivisi con qualcuno per farne realtà.

    Stephanie, grazie ...wow!

    RispondiElimina
  7. Sono così palpabili i tuoi racconti, così semplici che sembra accadono sotto gli occhi di tutti...e forse magari è proprio così!
    Di certo, sorrido pure io ora...

    RispondiElimina
  8. @Folletto del Vento
    Quando parlavo delle molteplicità di lettura pensavo al filosofo Gadamer, il quale parla di ricercazione nel testo e, riferendosi ai filosofi antichi, sostiene che molti sono i significati che si possono attingere leggendoli, al punto tale da scoprire altre valenze a cui l' autore non aveva pensato ...

    Questa precisazione intende sottolineare che non mi riferivo a una forma di dimenticanza, ma alla molteplicità delle interpretazioni che un testo pieno di metafore e allegorie, come questo,può suscitare. A presto leggerti.

    RispondiElimina
  9. Sun Soul, grazie per aver aggiunto anche il tuo sorriso

    Graziana, non avevo frainteso, ma ti ringrazio ugualmente. Non ho mai confuso lo sfuggire con il dimenticare: sono tante le cose che mi sfuggono, di nessuna mi dimentico.
    A presto

    RispondiElimina
  10. le tue storie sono sempre delicatissime ed emozionanti.....
    sorrido anche io....

    ho visto Sovana e Pitigliano su internet e sono strepitosi... ci andrò sicuramente.....
    grazie per la dritta..... all'Argentario cosa dici di andar a vedere?
    purtroppo ho visto le previsioni del prossimo we.... sabato è coperto, domenica precipitazioni....
    ti viene in mente anche qualche buon ristorante dove andare

    RispondiElimina
  11. A questo punto sorido anche io...e proseguo la mia giornata lavorativa ancora più contenta :-)

    RispondiElimina
  12. buffo.. anche io qualche giorno fa ho fatto un sogno bello.. e avrei preferito non fosse solo un sogno..
    sorrido pensando che anche tu hai sorriso..
    spero tu riesca a farlo anche quando il sole sarà coperto dalle nuvole.. dopotutto serve solo un po' di vento, no?
    ti saluto..

    RispondiElimina
  13. Almeno ho regalato un pò di sorrisi ....

    RispondiElimina