lunedì 26 gennaio 2015

224 - La leggenda della Luna Piena






In una calda notte di luglio di tanto tempo fa un lupo, seduto sulla cima di un monte, ululava a più non posso.

In cielo splendeva una sottile falce di luna che ogni tanto giocava a nascondersi dietro soffici trine di nuvole, o danzava tra esse, armoniosa e lieve.

Gli ululati del lupo erano lunghi, ripetuti, disperati. In breve arrivarono fino all’argentea regina della notte che, alquanto infastidita da tutto quel baccano, gli chiese:

- Cos’hai da urlare tanto? Perché non la smetti almeno per un po’?-

- Ho perso uno dei miei figli, il lupacchiotto più piccolo della mia cucciolata. Sono disperato… aiutami! - rispose il lupo.

La luna, allora, cominciò lentamente a gonfiarsi. E si gonfio, si gonfiò, si gonfiò, fino a diventare una grossa, luminosissima palla.

- Guarda se riesci ora a ritrovare il tuo lupacchiotto - disse, dolcemente partecipe, al lupo in pena.

Il piccolo fu trovato, tremante di freddo e di paura, sull’orlo di un precipizio. Con un gran balzo il padre afferrò il figlio, lo strinse forte forte a sé e, felice ed emozionato, ma non senza aver mille e mille volte ringraziato la luna. Poi sparì tra il folto della vegetazione.

Per premiare la bontà della luna, le fate dei boschi le fecero un bellissimo regalo: ogni trenta giorni può ridiventare tonda, grossa, luminosa, e i cuccioli del mondo intero, alzando nella notte gli occhi al cielo, possono ammirarla in tutto il suo splendore.

I lupi lo sanno… E ululano festosi alla luna piena.



10 commenti:

  1. Ciao FDV,
    una leggenda tenera e delicata, ancora più bella tra le asprezze di oggi e che invita a guardare la Natura con occhi di fiducia e gratitudine, anche se non è sempre facile, lo sappiamo:-)
    Fata Confetto

    RispondiElimina
  2. Quanta poesia c'è in questo racconto. E' tuo? Complimenti davvero.

    RispondiElimina
  3. Ho letto con molto piacere questo tuo nuovo racconto .
    Un caro saluto da pia ciao a presto

    RispondiElimina
  4. bello, perchè fa sognare...
    Annamaria

    RispondiElimina
  5. Ciao Folletto,
    molto dolce questa leggenda.
    Dai, chiediamo alla luna di far rinsavire una certa parte del genere umano.
    Vittorino

    RispondiElimina
  6. che bello questo racconto...ma non mi fermo qui vado a leggermi anche altri che hai pubblicato valeria

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Splendido ed emozionante racconto, mi sono commossa!
    Un abbraccio e buona giornata da Beatris

    RispondiElimina
  9. Quanto è bello accorgersi dei prodigi ... Grazie :-)

    RispondiElimina