mercoledì 23 giugno 2010

139-La creazione degli animali

C'era una volta Napi, che era l'aiutante del Sole: il Sole riscaldava la Terra mentre Napi faceva tutti i lavori di manutenzione. Un giorno Napi aveva terminato presto i suoi lavori, e dato che non era abituato a tenere le mani ferme, prese un blocco di argilla e cominciò a modellare con un blocco di argilla...
Una dopo l'altra fece le figurine di tutti gli animali della Terra. Era molto soddisfatto del suo lavoro: soffiò sopra ogni figurina, dando a ciascun animale un nome e un luogo da popolare sulla Terra.
Era rimasto un piccolo blocchetto di argilla. Napi lo pasticciò un po', poi fece un'altra figurina e disse: Ti chiamerai uomo, ed abiterai tra i lupi. Napi tornò al suo lavoro, ma un giorno arrivarono gli animali a protestare: il bisonte non riusciva a vivere in montagna perché era troppo ripida, le capre della prateria non amavano vivere nell'acqua, la tigre non si adattava vicino al mare e così via. Allora Napi ridiede a tutti nuove abitazioni, e questa volta furono tutti soddisfatti. Tutti, tranne l'uomo, che vaga dappertutto per trovare un luogo che lo soddisfi.

Questa è una leggenda degli Indiani d'America ...com'e piccolo il mondo!

5 commenti:

  1. e come, tuttavia, non riusciamo a trovare il posto giusto..
    un sorriso di buongiorno
    Marie

    RispondiElimina
  2. L'uomo continua ad essere convinto che Napi gli abbia detto ... "tutto il mondo, quello che ci sta sopra e quello che ci sta dentro ti appartiene" ... Napi è stato un po' frettoloso nel settore "udito" e "apprendimento" dell'uomo!

    RispondiElimina
  3. Un giorno dovrai leggere la cosmogonia dei Dogon (popolazione dell'africa sub sahariana)... Straordinaria!

    RispondiElimina
  4. Marie, grazie per i tuoi passaggi, non mancherò di ricambiare

    Emanuela, tutti dall'otorinolaringoiatra, allora.

    Dautretemp, tra un pò mi prenderò un perido di ferie, un libro mi è già stato consigliato da Emanuela, l'altro potrebbe essere su questo ...

    RispondiElimina
  5. Ma è troppo bella questa leggenda...gli indiani d'America sono un passo avanti non c'è che dire!

    RispondiElimina