mercoledì 23 dicembre 2020

La tregua di Natale

 


Sono passati più di cento anni, ma certe storie ci vengono ancora raccontate dai grandi saggi nelle notti buie e fredde che precedono il Natale.

Cento anni … nemmeno i nostri saggi le hanno vissute in prima persona queste storie, anche loro le hanno ascoltate ed apprezzate in notti come queste, dai loro nonni.

Oggi vanno d’accordo (almeno sembra), ma cento anni fa Elfi ed Orchi non si potevano vedere!

"Che ridicole orecchia a punta!"

"Belle quelle zanne!"

"Ma perché non ti leghi i capelli?"

"Ma perchè non dimagrisci un po'"

"Stecchino!"

"Ciccione!"

Erano veramente insopportabili, ma purtroppo non si fermarono alle parole … stuzzica oggi, stuzzica domani, alla fine uno un po' più agitato degli altri lanciò la prima pietra e da quel momento i due popoli entrarono in una guerra, di cui dopo qualche anno dimenticarono anche il motivo di origine, che però non risparmiò proprio nessuno.

E come in tutte le "grandi" guerre, gli altri popoli decisero di prendere le parti di uni o degli altri … spesso senza sapere nemmeno il perché.

Per anni nel bosco non vi fu altro che guerra, finchè un giorno le opposte fazioni si ritrovarono a fronteggiarsi su una radura: non c'era niente di importante in quella radura, non c'erano alberi da frutta, non c'era acqua, solo erba, un grande prato incolto.

Elfi, e loro alleati, su un lato che scagliavano con le fionde grandi pietre contro gli Orchi che, sull'altro lato con i loro amici, lanciavano anch'essi tutto ciò che si trovavano per le mani.

Non c'era un vincitore, non c'era un vinto e nemmeno ci saranno stati in futuro ...

Ma una notte, mentre Elfi, Orchi, Gnomi, Fate, Folletti, Maghi, dormivano nascosti dietro gli alberi e grandi rocce, coperti di niente e sofferenti per il freddo e le ferite, qualcuno, non si è mai saputo chi, cominciò a cantare una canzone di Natale.

Era il 24 dicembre e quell'improvvisato cantante, pensando ai suoi cari che il giorno dopo si sarebbero riuniti per uno dei più tristi Natali della loro storia, cercò di tirarsi su di morale intonando le canzoncine che aveva imparato da bambino.

Alla sua voce se ne aggiunse presto un'altra, poi un'altra, ed un altra ancora; in breve tempo tutti cominciarono a cantare e per un momento fu come se la guerra non ci fosse mai stata.

A fare cornice a quelle note, il sole spuntò dietro la montagna e la luce invase quella inutile radura.

Uno, forse il "cantante" o forse no, forse un Elfo o forse un Orco, decise di uscire allo scoperto e con in mano una logora e sporca sciarpa, si incammino verso il centro della radura ed una volta raggiunto, si sedette.

Dall'altro schieramento qualcuno decise di lasciare il suo nascondiglio e di raggiungere il primo per sedersi accanto a lui: in mano teneva un cappello (o quello che ne rimaneva).

I due si scambiarono i "regali", si abbracciarono, si commossero, poi si sedettero nuovamente a terra e ripresero a cantare.

Sia da una parte che da l'altra, uno alla volta, fino all'ultimo, tutti uscirono e, lasciate a terra le loro armi, si diressero verso i due compagni, vi fu un enorme abbraccio collettivo, tante strette di mano, scambi di oggetti di scarsissimo valore ma di grande significato.

Addirittura uno tirò fuori un pallone e fu organizzata una partita di calcio che durò tutta la giornata, fino a che il sole illuminò la radura … poi ognuno se ne tornò da dove era venuto, Natale era finito, domani ricominciava la guerra!

Sembra una storia, ma i saggi dicono che è successo veramente!

Io non so … è veramente strana come storia …

Comunque, BUON NATALE !

 

*********************

 

Era la notte del 24 dicembre 1914 membri delle truppe tedesche e britanniche  schierate sui lati opposti del fronte presero a scambiarsi auguri e canzoni dalle rispettive trincee, e occasionalmente singoli individui attraversarono le linee per portare doni ai soldati schierati dall'altro lato; il giorno di Natale, un gran numero di soldati provenienti da unità tedesche e britanniche lasciarono spontaneamente le trincee per incontrarsi nella terra di nessuno per fraternizzare, scambiarsi cibo e souvenir. Oltre a celebrare comuni cerimonie religiose e di sepoltura dei caduti, i soldati dei due schieramenti intrattennero rapporti amichevoli tra di loro al punto di organizzare improvvisate partite di calcio.

 

 



 

 

22 commenti:

  1. Bentornato!!!
    Aspettavo una storia e l'ho avuta. I miracoli accadono e il bene è contagioso come nessul altro male... basta solo ci sia un coraggioso che lo mostri e..
    Buon Natale e un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un grande abbraccio anche a te Sari e viva i coraggiosi!

      Elimina
  2. Uniti nella pace, il grande valore del Natale. Complimenti folletto e buon Natale!

    RispondiElimina
  3. Bellissima storia quella da te inventata, o forse è successa veramente ! E bellissimo l'episodio di un Natale di guerra che ci riporti. Auguri, auguri !!!

    RispondiElimina
  4. La magia del Natale nel mondo reale e in quello della fantasia, la magia del Natale ovunque.
    Tantissimi auguri a te e alla tua famiglia, grazie Folletto!

    RispondiElimina
  5. Le guerre servono ai potenti, la gente comune vorrebbe vivere in pace senza odiare nessuno.Il racconto di quel Natale di guerra ne è conferma.
    Buone Feste !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E i potenti, dopo questo fatto, si arrabbiarono .... poveri potenti!

      Elimina
  6. un misto di fantasia e realtà per respirare la magia del Natale. Grazie Folletto!
    Buon Natale!

    RispondiElimina
  7. La guerra, prova della supidità umana. Buon Natale!

    RispondiElimina
  8. Le storie sono vere,se qualcuno le ricorda e le racconta.I personaggi qualche volta buffi,altre forse inesistenti ma sono le parole dei saggi a dare corpo,vita ad ogni racconto che è anche un vissuto personale o collettivo.Ci hai regalato una magnifica storia,ed un motivo per riflettere,in questo Natale strano,ma sempre magico e ricco di suggestioni.Buo Natale,Folletto del vento!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Chicchina, speriamo che in futuro altri saggi continuino a raccontare ed a far ricordare

      Elimina
  9. Il finale è bello nella fantasia e nella realtà. Buon Natale!!!!

    RispondiElimina
  10. Salve,
    Offerte di prestiti tra privati, veloci e affidabili
    Sono una persona seria e onesta che concede prestiti che vanno da 5.000€ a 500.000 € a ogni persona che cerca un prestito di denaro per coprire un bisogno, saldare un debito, realizzare un progetto, riattivare la sua attività, un'altra preoccupazione. Ti chiedo di essere contattato direttamente con me.

    servizio.finanza@outlook.fr
    Whatsapp +593986599194


    Salve,
    Offerte di prestiti tra privati, veloci e affidabili
    Sono una persona seria e onesta che concede prestiti che vanno da 5.000€ a 500.000 € a ogni persona che cerca un prestito di denaro per coprire un bisogno, saldare un debito, realizzare un progetto, riattivare la sua attività, un'altra preoccupazione. Ti chiedo di essere contattato direttamente con me.

    servizio.finanza@outlook.fr
    Whatsapp +593986599194

    RispondiElimina
  11. Nè guerre, nè malattie, nè virus, nè discordie... come sarebbe fantastico un anno così. Cercheremo di fare del nostro meglio affinchè sia migliore.
    Ciao Folletto.

    RispondiElimina